Finale Champions 2013 Bayern-Borussia 2-1: decide Robben, bavaresi campioni

Finale Champions League 2013: Bayern-Borussia 2-1, decide Robben

Il Bayern Monaco è campione d’Europa. La squadra bavarese ha superato per 2-1 al Wembley Stadium il Borussia Dortmund, connazionale e vera rivelazione di questo torneo. Nonostante un grande approccio dei gialloneri alla partita, alla lunga le singole individualità della squadra di Heynckes hanno fatto la differenza. Con Götze in campo le cose sarebbero andate diversamente? Forse, ma bisogna dire che il Bayern già in altri match ha dimostrato di che pasta era fatto e non dimentichiamoci chi è riuscito a sconfiggere il Barça degli alieni. Del resto il Borussia aveva eliminato il Real e una delle due squadre doveva pur perdere. Alla fine si può dire che abbia vinto la migliore.

Eppure è stato il Borussia a partire più forte, probabilmente conscio del fatto che occorreva la partita perfetta per avere ragione del Bayern. Partita gradevole e prima occasione per Blaszczykowski, che per ben due volte riesce a spaventare Neuer. Anche Lewandowski ci prova dalla lunga distanza, ma con il passare dei minuti viene fuori anche il Bayern, in particolare con Javi Martinez, ma Weidenfeller si fa trovare pronto. Ancora Reus e Bender impegnano il portiere bavarese, che inizia a capire che questa serata sarà molto più dura del previsto. Tendenzialmente il Borussia gioca meglio, anche se questo primo tempo è tutto, fuorché emozionante. Alla mezzora la squadra di Heynckes si sveglia e prima colpisce una traversa con Mandzukic (bravissimo Weidenfeller a deviare) e poi è lo stesso Robben, che con le finali ha un largo conto in sospeso, a mangiarsi una rete ghiottissima. Il primo tempo si chiude con il Bayern ancora in avanti con Robben, Mandzukic e Müller, ma la sfera non entra.

Il Borussia è stanco e il Bayern cerca sempre di più di approfittarne e al 59° Mandzukic prima si mangia una grande occasione, per poi farsi perdonare sugli sviluppi concludendo a rete il cross di Robben che aveva superato Weidenfelder. Il Borussia traballa, ma cerca di reagire e la sua prova rabbiosa porta al 68° alla concessione di un calcio di rigore per uno sciagurato fallo di Dante su Reus. Impossibile lasciar correre e Gundogan riporta in alto le speranze giallonere. Siamo 1-1. Al 72° azione fotocopia del primo gol bavarese, ma questa volta Subotic salva clamorosamente su Robben a due centimetri dalla linea. Potrebbe essere la palla che indirizza il match, ma all’89° Ribery libera di tacco in area proprio l’esperto olandese, che con un delizioso tocco supera il portiere avversario e lancia il Bayern sul tetto d’Europa. Fine della maledizione: il Bayern è Campione!

Finale Champions League 2013: Bayern-Borussia 2-1, decide Robben