Crisi Manchester City, lo spogliatoio contro Roberto Mancini

roberto mancini manchester city

Non è passato neanche 1 anno dal suo insediamento ufficiale in Premier League, al posto di Mark Hughes, che la panchina di Roberto Mancini al Manchester City, è fortemente in bilico.

Il Sun addirittura la spara grossa, titolando in prima pagina “Dead Manc Walking”, con chiaro riferimento al telefilm horror in arrivo sul canale Fox, proprio da questa sera.

Ma lo stesso tabloid inglese ha approfondito il tema della spaccatura nello spogliatoio del Manchester City, che sarebbe chiaramente contro il tecnico italiano: “E’ difficile trovare un giocatore nello spogliatoio che sia dalla parte di Mancini, e quel posto ormai è un completo disastro. Ci sono momenti in cui lui cerca di fare il duro, ma nessuno gli dà retta. Lo spirito di squadra sta andando a pezzi perché non c’è alcun rispetto per l’allenatore e alcuni giocatori provano già a indovinare quando se ne andrà. A loro non importa chi arriverà al suo posto, vogliono solo che Mancini venga cacciato”, avrebbe riferito una fonte anonima del club.

La recente sconfitta nel match contro il fanalino di coda Wolves (2-1), la messa fuori squadra di ben 4 calciatori perchè rientrati ubriachi, le scintille in campo tra Emmanuel Adebayor e Vincent Kompany, le prime bizze inglesi di Mario Balotelli (che avrebbe lasciato lo stadio a bordo della sua auto, e non col pullman del Manchester City), sono un bel quadretto.

La parola finale spetta al ricco sceicco Mansour, che vaglierà a fondo la situazione: ma questa volta, Mancini rischia davvero grosso.