Crisi Juventus: si pensa a un ritorno di Moggi in bianconero

Un altro progetto della Juventus sta andando in fumo.

Il direttore generale Giuseppe Marotta ed il tecnico Luigi Delneri sono finiti nell’occhio del ciclone: la sconfitta di sabato sera contro il Bologna (che segue a quella di Lecce), ha di fatto sbarrato, anche se non definitivamente, la strada bianconera verso il ritorno in Champions League.

Il presidente Andrea Agnelli, colui che ha scelto personalmente la coppia, dovrà parlarne con la proprietà, perché il mancato ingresso nell’Europa che conta, comporterà gravissime perdite economiche.

Intanto, però, la Juventus deve giocare al meglio queste 11 partite finali: la panchina di mister Delneri resta fortemente a rischio, e non è esclusa una soluzione immediata.

Milan, Cesena, Brescia e Roma sono i prossimi appuntamenti in calendario, ma è chiaro che la Vecchia Signora deve restare aggrappata almeno all’Europa League.

Per questo non è escluso nemmeno un clamoroso esonero: si parla, per l’immediato, di soluzioni interne come Pavel Nedved (idolo dei tifosi, come fu però Ciro Ferrara), oppure il grande ritorno dell’invocato Marcello Lippi.

Ma, in vista della prossima stagione, si parla del nuovo ingresso di Luciano Moggi in società: l’ex dg è pronto a rientrare dopo la squalifica per calciopoli, ed i buoni rapporti col presidente Agnelli potrebbero agevolarlo.

Con lui, in panchina potrebbero arrivare i fidi Antonio Conte o Gian Piero Gasperini, anche se Luciano Spalletti resta il più appetito.