Coppa del Mondo di Sci Alpino, salta Val d’Isère



La mancanza di neve sta colpendo un po’ tutta la zona alpina dell’Europa, al punto che la FISI si è trovata costretta ad annullare ufficialmente la tappa di Coppa del Mondo che si sarebbe dovuta svolgere in Val d’Isère. Purtroppo la situazione climatica non è stata giudicata adatta dalla Federazione, che ha dovuto constatare un problema che sta interessando alcune delle più famose zone alpine europee. La decisione è stata presa in seguito ad una riunione straordinaria, nella quale si è concordato che era meglio sospendere tutto adesso, piuttosto che aspettare ancora e prendere una decisione così sofferta quando ormai la carovana organizzativa fosse già stata presente sul luogo.

Le gare verranno recuperate tra una settimana a Beaver Creek, negli Stati Uniti, dove si stanno già disputando alcune gare e quindi la condizione climatica non è un problema. Martedì 6 sarà già il turno della gara di gigante maschile, mentre mercoledì 7 arriverà il momento del SuperG femminile. Infine giovedì 8 sarà il turno dell’attesissimo slalom maschile. La supercombinata femminile, invece, non è stata ancora riprogrammata e si attendono comunicazioni a riguardo da parte della Federazione.

Anche la Val Gardena non è particolarmente tranquilla. Anche qui si sta procedendo con le operazioni di innevamento artificiale, anche se la situazione sembra più rilassata. Gli organizzatori hanno affermato che l’innevamento del Saslong è ormai completo all’80% e un provvidenziale abbassamento della temperatura dovrebbe dare il tocco finale. Sembra che la fiducia sia piuttosto alta in questo momento e tutti sperano che i gestori abbiano ragione. In caso contrario, si provvederà forse ad una danza della neve propiziatoria.

Foto: Bottin.com