Confederations Cup 2013 Italia-Brasile 2-4, il cuore non basta agli Azzurri

Confederations Cup 2013 Italia-Brasile 2-4, il cuore non basta agli Azzurri

Non si può certo dire che l’Italia non abbia mostrato carattere nella sconfitta per 4-2 contro il Brasile padrone di casa. Purtroppo, però, il carattere non basta e il primo tempo di dominio carioca giustifica la vittoria brasiliana, anche se forse più larga di quanto in realtà non sarebbe stato giusto.

I primi minuti del match sono assolutamente terribili per gli azzurri, che sembrano proprio non riuscire ad interpretare come si deve i match. Solamente una grande risposta di Buffon riesce ad evitare che Hulk porti immediatamente avanti i padroni di casa. Dopo il primo spavento, comunque, la squadra inizia a portarsi sempre più avanti, ma l’unica conclusione vera e propria è una girata di Balotelli sul fondo. Nemmeno il destino arride a Prandelli, costretto a sostituire sia Montolivo che Abate per infortunio. Il Brasile gioca meglio ed è più pericoloso, ma passa solamente in pieno recupero grazie a Dante, servito in posizione di leggero fuorigioco da Fred.

Qualcuno potrebbe pensare che l’Italia si sarebbe sfaldata davanti al vantaggio brasiliano, ma invece arriva addirittura il pareggio in contropiede con Giaccherini. La gioia italiana dura però poco: Neymar si guadagna una punizione molto dubbia dal limite, che lo stesso neo attaccante del Barcellona trasforma con maestria. L’Italia dimostra carattere e parte all’attacco, costringendo il Brasile nella sua area di rigore. Nel momento migliore dell’Italia, però, arriva la terza rete del Brasile con Fred, lanciato da Marcelo. L’Italia non ci sta e accorcia con Chiellini. Maggio colpisce la traversa e c’è la speranza di poter cogliere il clamoroso pareggio, ma la rete del 4-2 di Fred chiude definitivamente i giochi. Alla fine l’Italia del secondo tempo può non aver paura di nessuno, ma contro la Spagna in semifinale ci sarà bisogno di qualcosa di più della semplice buona volontà.

Confederations Cup 2013 Italia-Brasile 2-4, il cuore non basta agli Azzurri