Chi è l’allenatore più forte del mondo?





Il più forte del mondo, quello più importante. No, non stiamo parlando di calciatori, bensì di allenatori: un ruolo, quello del mister, che mai come negli ultimi tempi ha preso una piega diversa.
Motivatore, innovatore, cultore del gioco. Il tecnico è il cuore della squadra, la spinta o la scintilla che spesso ti cambiano una stagione intera.

E’ successo recentemente all’Inter, neo campione d’Europa: Josè Mourinho, arrivato nell’estate 2008, ha portato 2 scudetti, poi Coppa Italia, Supercoppa Italiana e Champions League.
Se aggiungiamo il suo curriculum prima dell’esperienza biennale in Italia, la lista si allunga: 2 Premier League, seguita da FA Cup, Carling Cup, Community Shield, tutte col Chelsea.
Per non parlare della prima esperienza col Porto, condita da 2 scudetti, e 1 coppa e Supercoppa di Portogallo, con la ciliegina della Champions 2004.
Il migliore? Forse, ma in giro il buon Mourinho non è proprio solo. Dei tecnici nostrani, siamo orgogliosi di gente come Carlo Ancelotti, che tra Milan (2001 – 2009) e Chelsea (stagione 2009/2010) ha conquistato la bellezza di 2 campionati (Serie A e Premier), Coppa Italia, Supercoppa, Community Shield, FA Cup, 2 Champions, Supercoppa Europea e Mondiale per club.
Fabio Capello, tecnico di successo con lo stesso Milan e poi al Real Madrid, adesso guida l’Inghilterra che ha riportato tra le grandi, con la qualificazione ai Mondiali Sudafrica 2010, dove punta alla vittoria.
La lista sarebbe davvero troppo lunga: Rafa Benitez (campione d’Europa 2005 col Liverpool), l’innovatore Josep Guardiola (nel 2009 ha vinto tutte le manifestazioni possibili, al suo 1° anno da allenatore in prima) e Marcello Lippi (campione del Mondo 2006, dopo i successi alla Juventus degli anni d’oro).
E voi che ne pensate? Difficile la scelta, eh.