C’era una volta…Mario Balotelli !

Mario Balotelli come Pinocchio: ragazzino che fa di testa sua, Collodi ci scriverebbe una novella (se lo scrittore fosse ancora vivo e tifasse Inter).

Dopo aver abbandonato l’abbecedario ai suoi compagni, che lo vedevano sempre più distratto da una cattiva condotta in allenamento, Balotelli – Pinocchio incontra il gatto e la volpe (Fabrizio Corona e Belen Rodriguez, che a marzo lo contattarono per “affari di amicizia”, ricordate?),

si concede un bistrattato cameo sul palcoscenico di Mangiafuoco (la maglia rossonera del Milan), va avanti per la sua strada.

Da lì il lungo viaggio nella bocca della balena bianca – Mourinho, che lo ha tenuto in isolamento all’interno del proprio stomaco per 5 lunghissime partite di campionato e Champions League. Mariooo, Mariooo! urlava in quei giorni mastro Geppetto (il tifoso dell’Inter), alla disperata ricerca del suo pupillo prediletto.

Dopo tanti sforzi Balotelli è uscito dalla bocca della balena, si è fatto una bella scarpinata ed è giunto alla deriva. Torna a casa e riabbraccia Geppetto (il gol segnato in Inter – Bologna), addirittura fa una nuova conoscenza: Betty, fatina di 20 anni conosciuta in un ristorante di Milano.

Balotelli e Betty sono ufficialmente fidanzati: Pinocchio ha messo la testa a posto, è pronto per tornare in aula e questo, forse, è il lieto fine giusto della favola di formazione, una delle tante del nostro chiacchierato calcio non giocato.