Blatter, no definitivo sulla moviola in campo

blatter fifa

Il giorno in cui una partita di calcio sarà interrotta per rivedere un’azione alla moviola su uno schermo, sarà il giorno in cui il gioco del calcio sarà morto”.

Con queste lapidarie parole il presidente della FIFA Joseph Blatter, presente ad Abu Dhabi per il Mondiale per Club, ha messo una pietra sopra la possibilità di inserire la moviola in campo durante le competizioni calcistiche.

L’errore arbitrale fa parte del gioco del calcio, come l’errore dei calciatori: quando non sarò più alla presidenza della FIFA potrebbero anche cambiare le cose, ma per ora la moviola non è in agenda”. Blatter non esclude altri aiuti da parte della tecnologia: ad esempio il laser che sancisce il varcare o meno della palla sulla linea di gioco (quindi gol fantasmi, rimesse laterali ecc.).

Buona pace dunque per Biscardi e compagni, crociati di una campagna informativa e di propaganda sull’uso della moviola in campo. Non sottovalutare le conseguenze del potere, è la prima legge dei mass media.

La televisione deve concedersi alla partita di calcio, e non viceversa. Se il sistema di utilizzo della regia televisiva viene imposto per lo svolgersi di una partita di calcio, quest’ultima non sarà più sport, o evento sportivo, ma spettacolo televisivo. Esattamente come il wrestling: finto, recitato, sceneggiato. Ce li vedete voi i calciatori riunirsi nel mentre della partita in confessionale ogni 10 minuti di fronte a mamma tv?

 

SOCCER/