Bernard Tapie trasforma Wembley in una sala da gioco



Una passione, quella di Bernard Tapie, ex presidente dell’Olympique Marsiglia e già proprietario dell’Adidas,  per il mondo del poker e in particolar modo del Texas Hold’em che potrebbe diventare una professione davvero molto soddisfacente, almeno in termini di fama.

Bernard Tapie dopo aver acquistato la poker room Full Til ha  presentato nei giorni scorsi il suo progetto, ISPT, ovvero International Stadiums Poker Tour dove diversi tornei di poker live saranno organizzati  nelle più importanti strutture sportive del mondo e, per far capire la serietà dell’idea,  il primo stadio scelto per inaugurare questo tour sarà nientedimeno che il mitico  Wembley, dove il  montepremi garantito si aggira sui 30 milioni di dollari per un field previsto di almeno 30 mila giocatori.

Trovata pubblicitario o smargiassata che sia è innegabile il fascino di questo progetto che risolleverebbe l’immagine della Full Tilt Poker e non poco.  Tutto ormai sembra pronto tanto che i trenta milioni sono già stati depositati a garanzia del montepremi ed anche il contratto d’affitto per Wembley sembra sia già  stato siglato. Questo tour pokeristico dovrebbe svolgersi il prossimo settembre 2012, compatibilmente alle esigenze calcistiche dell’anno venturo, con cinque giorni di gara inizianti con una sfida di poker on line. Secondo quanto annunciato ogni partecipante sarà seduto nella tribuna di questo mitico stadio dove avrà in dotazione una speciale postazione munita con il software di gioco per una prima selezione che porterà i giocatori a quota tremila. A questo punto comincerà il vero e proprio torneo dal vivo sui tavoli verdi posizionati sul manto erboso di Wembley, uno dei tempi del calcio mondiale, calpestato durante i match dell’Inghilterra da campioni come Wayne Rooney, attaccante del Manchester United e della nazionale inglese.

Sarà ovviamente prevista un’ampia copertura mediatica dell’evento con almeno 32 canali televisivi che trasmetteranno tutte le fasi dell’evento in 26 nazioni.