Amichevole 6 febbraio 2013 Olanda – Italia 1-1, Verratti salva gli Azzurri

Amichevole 6 febbraio 2013 Olanda – Italia 1-1, Verratti salva gli Azzurri

Diciamolo pure chiaramente: questa sera meritavamo ampiamente di perdere. All’Amsterdam Arena l’Italia acchiappa un pareggio insperato contro un’Olanda giovane e in palla, che avrebbe non solo meritato la vittoria, ma anche con almeno un paio di reti di distacco. Per 80 minuti gli Azzurri sono stati quasi irritanti per la poca voglia con cui hanno interpretato l’amichevole. Negli ultimi dieci minuti, però, accade qualcosa. I cambi di Prandelli hanno effetto e Verratti indovina un gol davvero bello, che salva in parte la serata azzurra.

Come detto, però, il resto della partita è stato un pianto. Prandelli schiera un 4-3-3 con una difesa nuova formata da Abate, Barzagli, Astori e Santon, mentre a centrocampo trovano posto De Rossi, Pirlo e Montolivo. Davanti la coppia dei sogni rossoneri Balotelli-El Shaarawy, aiutati da Candreva. Già al 16°, però, Buffon è chiamato ad una parata degna dei suoi match migliori su un tiro quasi a botta sicura di Maher. Passano dieci minuti e la scena si ripete: tiro di Maher e Buffon respinge. La difesa oranje sembra impenetrabile, solamente alla mezz’ora Balotelli, su assist di Pirlo, ha una grande occasione che esce di poco. Tre minuti dopo, però, arriva la rete olandese: su un rimpallo, Lens si aggiusta la palla (forse con una mano) e supera Astori. Il suo destro è imparabile. L’Italia cerca di reagire ed El Shaarawy, insieme ad Abate, si rendono pericolosi, ma senza risultati.

Nella ripresa l’Italia sparisce del tutto. Al 50° John viene imbeccato da Robben, ma l’attaccante olandese sbaglia completamente il tiro. Un nervoso Balotelli lascia il campo per Osvaldo, mentre Verratti sostituisce De Rossi e questo cambio si rivelerà decisivo. L’Olanda sfiora ancora con Strootman e Lens, quest’ultimo fermato da un Buffon in formato Mondiale 2006. Esce anche El Shaarawy per un recuperato Gilardino, ma è ancora Buffon a dover rispondere ad una forte conclusione di Robben. Lo stesso fuoriclasse del Bayern incanta lo stadio, ma senza gol, al 79°.

Scattano gli ultimi dieci minuti e improvvisamente l’Italia si risveglia. Osvaldo spaventa per ben due volte gli olandesi, che rispondono con un’azione di Maher sprecata clamorosamente da uno sciagurato Kuyt. Diamanti quasi imbecca alla perfezione Gilardino, ma al primo di recupero avviene il miracolo. Verratti triangola con Gilardino in mezzo all’area olandese e il giovane centrocampista del PSG si trova solo davanti a Krul. Con una freddezza incredibile per un 19enne, Verratti alza il pallone e lo mette sotto la traversa. Una vittoria di carattere. Probabilmente immeritata, ma che finalmente rompe questa sciagurata serie di 5 sconfitte consecutive in amichevole. Senza alcun dubbio, un match da cui trarre insegnamenti. La vera Italia dev’essere quella degli ultimi minuti.

Amichevole 6 febbraio 2013 Olanda – Italia 1-1, Verratti salva gli Azzurri