A Milano la Mostra Donna è Sport nell’Unità d’Italia

iosefa idem

Apre oggi a Milano la mostra Donna è sport, un percorso fotografico che attraversa, parlando per  immagini, i 150 anni della nostra unità nazionale mostrandoci l’evoluzione dello sport femminile. L’intento dichiarato è quello di mostrare come sia in effetti cambiato il nostro paese grazie anche all’orgoglio rosa delle atlete italiane.

Una grande passerella di campionesse ha presentato la mostra organizzata dalla Gazzetta dello Sport in memoria del compianto direttore Candido Cannavò. La mostra è un’antologia ricca di grandi numeri degli eventi dell’Italia declinata al femminile, a partire proprio dall’anno 1861.
Settanta sono i maxi pannelli in esposizione, le cui dimensioni sono di un metro per due.

Tredici di queste sono dedicate alle donne pioniere negli sport, quando ancora non esisteva nemmeno l’espressione quote rosa per intenderci.
Sedici pannelli vogliono invecre rendere omaggio alle stelle dello sport italiano. Qui la scelta del quotidiano rosa è caduta su Fiona May, Sara Simeoni e Ondina Valla (atletica leggera), Josefa Idem (canoa), Antonella Bellutti (ciclismo su pista), Mabel Bocchi (basket), Federica Pellegrini (nuoto), Giovanna Trillini e Valentina Vezzali (scherma), Deborah Compagnoni (sci alpino), Stefania Belmondo e Manuela Di Centa (sci di fondo), Francesca Schiavone (tennis), Tania Cagnotto (tuffi) 7 Alessandra Sensini (vela).

Trentatré pannelli sono invece dedicati alle discipline sportive, dall’atletica leggera fino ad arrivare alla vela.

Il catalogo della mostra, ospitata nei locali del Museo della Resistenza a Milano, è pubblicato da Skira. Donna è sport è in programma a partire da oggi 10 giugno fino al prossimo 25 settembre.

La mostra ha i seguenti orari:

Martedì – Domenica 9-13 14-17-30 chiuso il lunedì.